Perchè conviene innamorarsi a distanza

E’ capitato a tutti, prima o poi.

Il principe azzurro (o la fatina rosa) che tanto si desiderava arriva, è fantastico/a o comunque vi sembra valga la pena approfondire la vostra conoscenza, ma… Che si fa quando lui prende il cavallo bianco e torna al castello, e lei prende la bacchetta e sparisce con una bella magia?

MANUALE DELL’AMANTE/AMATO A DISTANZA
Principi fondamentali

  1. La storia a distanza è assolutamente vietata a chi è eccessivamente geloso, possessivo e soprattutto a chi ha paura di essere tradito. Come per tutte le storie, è chiaro che non esistono regole, ma ci sono tanti buoni e saggi consigli che è meglio seguire.

  2. E’ necessario munirsi di tanta, tantissima pazienza.

  3. Quando vi muovete per raggiungere l’amato/a, dovete mettere in conto eventuali incidenti stradali, scioperi dei mezzi pubblici, attentati terroristici, incidenti aerei, perdita delle valigie, ore “perse”.

  4. Se non avete un lavoro, trovatevelo. Mantenere una storia a distanza è costoso.

  5. Tenete in conto che le signorine della Tim, della Vodafone, della Wind o di Tre sono destinate a diventare le vostre principali interlocutrici la maggior parte delle volte. In effetti, questo succede anche a chi vive una storia più vicina…

  6. Fate un contratto con la Telecom. Vi servirà per le chiamate interurbane. O internazionali. Mal che vada, non disperate: vi regaleranno il cesto di Natale, con tanto di panettone, spumante e parmigiano reggiano, e vi nomineranno migliori clienti dell’anno.

  7. Attenzione ai patemi dei genitori, specialmente se siete minorenni: la vita potrebbe diventare davvero impossibile.

  8. Badate agli ex e alle ex. Se è vero che sono nocivi/e per una storia vicina, tanto più lo diventano all’aumentare della distanza.

  9. Vietato avere sbalzi di umore eccessivi. Possono mettere in crisi l’amato/a che vi sente per telefono. Se invece vi scappano e l’amato/a reagisce nel migliore dei modi (cioè senza fare scenate, senza chiedervi ogni due minuti “ma ti ho fatto qualcosa?” e senza ripetervi “se hai bisogno, ci sono” ogni due secondi), allora complimentatevi con voi stessi, perchè avete fatto la scelta giusta

  10. Scordatevi di vivere una quotidianità, almeno nel primo periodo. Non avrete mai il controllo sull’amato/a. Non conoscerete subito i suoi amici e le sue amiche, mentre è più probabile che incontriate immediatamente la sua famiglia. Non avrete la libertà di dire “vado dal/la mio/a ragazzo/a” senza che i vostri genitori vi saltino addosso preoccupati. Lo/a vedrete pochissimo rispetto ai/lle ragazzi/e delle storie vicine, e imparerete a conservare quei momenti, a viverli al massimo. Avrete dubbi esistenziali ogni giorno che vi svegliate e vi chiederete se state facendo la cosa giusta. Non preoccupatevi eccessivamente, però. In fondo, è una storia come un’altra. E forse, per certi versi, più bella di tante altre.

Riportato da un altro blog

Annunci