Oggi – Un giovane – Cronaca

Mattina, paura
nelle calde lenzuola confortanti
come un ghiro in pieno inverno
arriccia il naso freddo inferno
prima vera, calda, m’illude
speranza sola
in una lunga infinita attesa.
Arriva, ora arriva!
dietro di me… futuro.

Pomeriggio, angoscia.
Che fare? Perché fare? Perchì fare?
secondi rimbombanti
le lancette come lame
tagliano vite svogliate
eviscerate svuotate.
Passatempo, ammazza tempo
in cerca di vendetta
turpe, gelida
in ripetuti gesti,
e ozio.

Sera, tormento
è buio intorno,
fermo, immobile,
le membra stanche
pensieri soffocanti, incombenti, pressanti;
ma c’è luce, un poco, in fondo.
Giornata maledetta!
Mi fai schifo!
Perché fuggi via? Dove vai?
Perché così in fretta!?
Candida la cassa in sudario e lavanda
morbido il cuscino, più sensuale il suo richiamo!

Perché, perché
un altro giorno andato invano?
La missione è incompiuta
un altro sole e un’altra luna.

Annunci