Un posto nel mondo

io

A Natale ci illudiamo di essere tutti più buoni e forse è vero, ma in fondo sappiamo tutti che il lupo perde il pelo ma mai il vizio. Così, trascorsa anche l’epifania che tutte le feste ci ha portato via, ci ritroviamo punto e a capo costretti nuovamente a tirar su le maniche e a mettere le nostre mani nella pasta che è l’anno nuovo.
Uao! Entusiasmo a palate!

Una strana aria aleggia. Tetra, pesante, appiccicosa, irrespirapile, soffocante. Un profondo stato di insoddisfazione generale. Rimpianto per il passato, paura di andare avanti. Chi è pessimista se la prende con se stesso trovando solo ciò che c’è di negativo, chi lo è un po’ meno se la piglia col tempo che fuggendo via inesorabile lascia i suoi segni più o meno buoni, chi ce l’ha con la strada in senso figurato e chi con la strada in senso reale…
Voglia di non arrendersi, di tornare in gioco, di tornare a essere come prima, di cambiare ed essere meglio di prima. Voglia.
Paura di mettersi in gioco. La paura spesso è contagiosa.
Gli esami sono alle porte. Più o meno siamo tutti nei guai.

Andiamo via! La “vita” qui ci opprime. In questo tram crediamo solo di essere padroni del mezzo, ma in realtà possiamo solo frenare e accelerare. C’è il binario. In realtà noi decidiamo solo la velocità, ma neanche tanto, perchè persino le fermate sono prestabilite e devono rispettare un certo orario. Proviamo a scendere una buona volta, e facciamocela a piedi!
Non c’è spazio per i sogni sul tram, in metro, o sul 101! Devi fare a pugni già se hai uno zainetto! Chi non persegue il suo sogno non va avanti, semplicemente si trascina correndo anche il rischio di abituarsi a quello che ha, anche se sa nel profondo di non essere soddisfatto e di meritare di più.
Barcellona, Londra, gli Stati Uniti, le Canarie… stabiliamo dove vogliamo andare e poi: facciamo questo benedetto primo passo! Facciamoci spazio e pigliamoci il nostro posto nel mondo!

Annunci

12 thoughts on “Un posto nel mondo

  1. Antonella ha detto:

    eh già caro gioiuzzo, la penso come te. ogni anno nel periodo fineannovecchio-inizioannonuovo ci si trova a guardarsi indietro e si trovano immancabilmente rimpianti e rimorsi e a guardarsi avanti con una voglia-miasto-rabbia-misto-paura di cambiare le cose e di poter dire l’anno seguente:finalmente tutto è andato come volevo. ma non è mai cosi(o quasi) e tutto torna punto e accapo.. ora mi chiedo..sarà la volta buona x questo fatidico PaSSo DeCiSiVo o “non è (ancora) tempo x noi?! si vedrà..
    TAnti BAci..Antonella. Ps.complimenti x il blog. TVB

  2. Saretta ha detto:

    Io,donna che rappresenta il controsenso vivente,ho la certezza di poche cose…tra queste che la vita mi mette ansia,mi terrorizza addirittura!…epppure,pian piano,anch’io cerco il mio posto nel mondo!
    E chissà,forse un giorno lo troverò…

  3. la pipa (muahahaha) ha detto:

    non pensavo di averlo mai potuto fare, ma eccomi qui a ricambiare il favore…
    sempre di più noto che siamo tutti nella stessa barca. le parole d’ordine sono: paura, nostalgia, sogni persi per strada e fuga.
    comunque fare il primo passo è troppo compromettente. è più facile aspettare la manna che cade dal cielo.
    generazione di inetti, io la prima…
    ciao gioi

  4. Luisa ha detto:

    Tutti nella stessa barca…!Gli stessi pensieri, le stesse sensazioni…ma con un pensiero che mi frulla per la testa:
    di sicuro nel mondo c’è posto per tutti, e la sfida è capire in quale “disegno” prendere il proprio posto! La consolazione o meglio la forza è sapere che in questo disegno non sono sola…avrò di sicuro il mio posto, dovrò prendermene cura e difenderlo, ma nn sarò sola!Un tassello di un grande mosaico, incastonato vicino a tanti altri, ognuno con il proprio compito!
    Facciamo il primo passo, prendiamoci il nostro posto nel mondo…ma nn corriamo il rischio di essere isole a Barcellona, Londra, Stati Uniti, Canarie…ovunque sarà!
    Grazie per i tuoi pensieri, le tue riflessioni!(ci sto prendendo gusto a rispondere!)
    ciao…

  5. neuronivaganti ha detto:

    io posso dire solo una cosa: quando arriva l’epifania tiro un sospiro di sollievo.Le feste non hanno più il sapore dello stare in famiglia ma della corsa al regalo.
    è una cosa che proprio odio.

  6. giosafat ha detto:

    x Antonella: per risponderti con un altro verso di Ligabue ti dico che “può essere sabato solo quando lo vuoi”!

    x Saretta: cara la mia Viterbica amica, credo che sia ottimo! Chi cerca trova! E poi, come ho già scritto altrove, non sono quelli che non si sono uniformati alla massa che hanno fatto la storia?

    x la pipa: 1. riporto da un commento sul tuo blog “(pillola) fa bene avere delle certezze perchè quando poi vengono infrante ci rendiamo conto che tutto è possibile”. 2. siamo uomini, è normale essere incasinati. ma siamo ragazzi, è doveroso credere un po’ di più nei nostri sogni. 3. anche io ho un codice cifrato all’interno del blog.. ogni frase, ogni riferimento è apparentemente puramente casuale. In realtà tutto per me ha un secondo significato.. il tram, le Canarie, la strada…

    x Luisa: mi fa davvero un grande piacere leggere le tue risposte! condivido anchio l’esigenza e la felicità di non essere soli sul nostro Cammino!

    x neuronivaganti: hai ragione, condivido in pieno, ma questo argomento, in parte già discusso anche se meriterebbe maggiore considerazione, avrebbe bisogno di un’altra pagina.

  7. Veronica ha detto:

    Dice la mia prof di filosofia: “Da un seme non può nascere mica un elefantino blu!”..In parte ha ragione…Generalmente siamo travolti dala routine e ci è difficile trovare in essa qualcosa di positivo…Ma non è per questo che esistono i sogni e le aspirazioni? 😉

  8. anna ha detto:

    Ieri sera prima di chiudere il libro di pedagogia sperimentale ho dato una sbirciatina al tuo post…
    stamattina ero in “fila al semaforo”(ebbene si perchè alle 7:30 del mattino a roma c’è traffico anche per attraversare!), poi incastrata nella metro B, direzione termini(tutti scendono lì!), ed ero praticamente, nel vero senso della parola
    ;quel pezzo di mosaico che diceva luisa…
    Tutti musi lunghi, gente assonnata, stanca delle piccole ore fatte nel fine settimana…e io a un certo punto mi sono resa conto che ero l’unica che sorrideva…
    che quasi si era accorta che a Roma, dopo non so qnt, c’era il sole…
    la fontana di piazza della repubblica era illuminata da quella sua luce particolare e nell’acqua c’era il riflesso del sole
    …ed io ero contenta..
    prima dell’esame ed ero contenta..
    ho pensato al tuo post e mi sn detta:
    “io il mio posto nel mondo me lo sto facendo….un pò alla volta mi sto facendo spazio…”
    a volte è difficile farsi spazio tra tanto e non farsi sopraffare da pensieri negativi o dalle cose brutte, ma se sappiamo bene dov’è che siamo diretti allora non avremo problemi ad arrivarci, l’importante è non perdersi il percorso che si compie per arrivare alla meta…(tanto quella poi cambia sempre!)
    tutto è straordinaaaaaarriooooo……
    o qnt ho scritto…scusa, ma te lo dovevo …
    ora vado domani ce ne è un altro, io mi riduco sempre all’ultimo momento…chissà che domani non mi sfiori il pensiero di raggiungerti in qualche isola!
    ciaooooooooooooooooo
    ps:hai notato che sono sempre solo donne a lasciarti commenti???
    ah gioi gioi ….

  9. giosafat ha detto:

    x Veronica: già, hai ragione…! e poi nulla è impossibile a chi crede..!! e in versione atea potremmo dire anche, nulla è impossibile a chi ci crede!

    x Anna: hai colpito proprio nel segno mia cara!!! Mi spieghi come hai fatto a leggermi nel pensiero? Stavo pensando proprio a un secondo post con tutto quello che hai scritto tu! eheh e hai proprio ragione: TUTTO E’ STRAORDINARIO!!! pensavo anche a te mentre pensavo a questo :-P!!
    comunque non lo avevo notato… per fortuna ci sei tu!!

  10. Anna ha detto:

    AAAAAAAA…
    VEDI….ABBIAMO PROPRIO TANTO IN COMUNE …..E TI LEGGO ANCHE NEL PENSIERO!
    PER FORTUNA CHE MI SONO ASSICURATA IL “POSTO”…
    SE ENTRO I 40 ANNI NON TROVIAMO L’ANIMA GEMELLA…
    IL MATRIMONIO è FATTO!….
    TI RICORDO CHE L’ HAI PROMESSO E SEBY ERA TESTIMONE!
    BASTA…IO TI PROMETTO CHE SMETTERO’ DI LASCIARTI COMMENTI DEMENTI…E IL POST-ESAMI!
    CIAAAAAAAAAA

  11. Arya ha detto:

    “Chi non persegue il suo sogno non va avanti, semplicemente si trascina….” Quant’è bella e vera questa frase. Un caro saluto e un sorriso 🙂

  12. principasticcio ha detto:

    Il bello (e il brutto) di essere giovani è proprio questo: tra le tante opportunità individuare quella giusta, poter fare della propria vita quello che si vuole, doversi ‘ritagliare’ il proprio posto nel mondo, tentare di realizzare i propri desideri!
    Tu vedilo da una prospettiva positiva e lotta per portare aventi i tuoi sogni! Le forze non ti mancano 😉
    Un caro abbraccio,
    princi

Se ti piace lascia un commento, se no a maggior ragione!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...